Diaspro


Il diaspro appare generalmente di colore rosso mattone (per inclusioni microcristalline di ossidi di ferro, principalmente ematite) o verde con varie tonalità (per la presenza di microcristalli di anfiboli e pirosseni). Può anche assumere tonalità giallastre o nere (per l'inclusione di ossidi di manganese); una certa percentuale della composizione è rappresentata da calcedonio, composto criptocristallino della silice. Il diaspro presenta fratture concoidi (bordi taglienti come quelli del vetro o del quarzo) ed è molto compatto e resistente, tanto da risultare un materiale utile per la produzione di pinte, lame ed altri utensili delle industrie litiche dall'Homo erectus in avanti: è infatti una roccia del tutto simile alla selce. Il diaspro si forma generalmente per compattazione di gusci silicei di diatomee e/o radiolari (rispettivamente piante e animali unicellulari planctonici), oppure per precipitazione chimica della silice stessa, depostasi come gel sui fondali marini entro la linea di compensazione della silice, posta a circa 1000 metri di profondità.
 

Ultimo Aggiornamento del sito
31 Luglio 2012

VisaMastercardPayPalVerified by VisaGestPaySella

Sfera cristallo, palla cristallo, minerali, geode, geodi, Agata, Agata corniola, Ametista, Calcedonio, Calcite, Citrina, Diaspro, Labradorite, Lapis lazuli, Malachite, Occhio di tigre, Onice a bande, Onice bianca, Onice nera, Pietra di luna, Quarzo affumicato, Quarzo naturale, Quarzo nero, Quarzo rosa, Quarzo rutilato

Copyright © 2005 COJEDA S.R.L.
Ruelle Laurent Revel, 2 - 11017 Morgex (Aosta) - ITALY ::: P.IVA IT01085120077
All rights reserved.

WEB DESIGN DIGIVAL